La città dello sport

la città di Sassari e lo sport Noi tutti siamo “ corpo animato ” e il movimento è qualcosa che ci caratterizza nel nostro esistere naturale, nell’espressione della nostra profonda vitalità. E lo sport è movimento, e attraverso il movimento è un linguaggio espressivo universale che accomuna popoli, culture e generi.

Audrey Azoulay, direttore generale dell'Unesco ha dichiarato di recente che l’attività sportiva, “si basa sui concetti di rispetto, comprensione, integrazione e dialogo, e contribuisce allo sviluppo e alla realizzazione degli individui senza distinzione di età, sesso, origini, credenze e opinioni. Lo sport è un forum unico per l'azione e la riflessione per trasformare le nostre società".

Non esiste una classe sociale, una fascia di età o una razza che non possa ritenere la pratica sportiva come una delle necessità fondamentali delle persone sulla quale l'umanità stessa, ovunque e comunque viva, si vada a strutturare.

Una città territorio per un turismo sostenibile

Spiaggia di Porto FerroSassari è una città circondata da un vasto territorio che comprende gran parte della pianura della Nurra e un sistema costiero di enorme valore naturale, paesaggistico e storico-culturale.


La Nurra è di Sassari, è Sassari, per un principio di “giustizia socio spaziale ed ecologica” che in tutta Europa cerca di equilibrare il rapporto tra i centri urbani e i loro territori circostanti, e cerca di riconoscere piena cittadinanza a tutti i suoi abitanti. Cittadinanza piena che significa servizi essenziali, pari opportunità di sviluppo economico e sostegno alle imprese agricole, scuole e diritto allo studio, mobilità sostenibile, luoghi di protagonismo giovanile e di socializzazione, promozione della fruizione turistica sostenibile, integrata e compatibile con la tutela del bene comune naturale.

Una città verde e accessibile a tutti

colonnato di monserratoSogno una città verde e lavoro perché Sassari sia una Green City di livello europeo, a misura di tutti i suoi abitanti, dove il verde urbano generi benessere per le persone, nessuno escluso, e gli spazi verdi diventino occasione di trasformazione urbana verso la qualità dell’esistere e la felicità. Sono luoghi vivibili, con servizi permanenti di manutenzione e cura, anche con il contributo attivo dei cittadini in forme di co-progettazione e di collaborazione che li rendano facilmente gestibili in modo sostenibili anche economicamente. Costruire una rete urbana diffusa di spazi verdi tra loro collegati, anche attraverso il sistema delle piste ciclabili e l’utilizzo dei mezzi pubblici di trasporto, garantendo tutte le zone e i quartieri della città. Un approccio tipico del “Design for All”, ovvero accessibilità per tutti, non solo per i diversamente abili, ma per i bambini, gli anziani, le famiglie, gli sportivi e i giovani. Sogno il recupero e l’arredo verde dei giardini privati, delle corti interne dei palazzi antichi e del centro storico, degli angoli piccoli e nascosti della città con pergole e fioriere. Serve il contributo attivo dei cittadini, delle associazioni, dei commercianti e delle imprese per animare e scrivere patti di collaborazione volontari previsti dal Regolamento comunale del Comune di Sassari approvato nel marzo del 2019 (vedere su questo blog la sezione “Materiali”).

Una città umana

the glogal goalsNel XXI secolo per molti di noi la Città è l’habitat dell’esistenza, perché sempre più noi abitiamo città. Viviamo cambiamenti epocali, spesso disumanizzanti, e diventa necessario fermarci a pensare come dare qualità e umanità ai nostri luoghi di vita, con attenzione ai bisogni ai bisogni di tutti, nessuno escluso, con la consapevolezza della fragilità umana e un profondo senso del limite.
Sogno una Città Bene comune, bella e ricca di spazi vivibili a misura di persona, in tutte le età della propria esistenza, nella quale anche la casa privata di ognuno fa parte di un disegno urbanistico dal senso collettivo, comunitario, di città nuova come comunità sostenibile. Ce lo chiede l’obiettivo 11 dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite sottoscritta nel 2015 da 169 paesi e c e lo chiedono la Strategia 2020 dell’Unione Europea per la crescita intelligente e la Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile approvata dal Governo italiano nel 2017.

La città amica degli animali e della biodiversità urbana

cane gattoSogno una Città dove umani e animali d’affezione, in particolare gatti e cani, possano vivere insieme, perché il loro stare vicini regala a entrambi benessere, allegria, affetto, conforto, tenerezza. E allora è importante dare vita a un habitat urbano che favorisca questa preziosa relazione. Spazi, luoghi, servizi, presidi di salute, occasioni di socializzazione, attività ludiche e sportive che rendano bella questa convivenza tra specie diverse.
Vivere con un animale vicino è un’esperienza preziosa anche perché ci aiuta a riflettere sull’importanza di confrontarci con la diversità. È uno stare vicini molto prezioso per la crescita dei bambini, o per la solitudine che molti anziani sono costretti a vivere nelle nostre città. Ma è una gioia e un meraviglioso antidepressivo per molti adulti stressati da una vita quotidiana che ci rende alieni rispetto alla nostra vera natura di Corpi animati. E i nostri compagni a quattro zampe sono lì ogni giorno a ricordarci che, forse, dovremmo fare un po' come loro che riescono semplicemente a esistere anche in compagnia dei loro umani così nevrotici.